Quantcast

Roma: la ricreazione è finita

Il tempo degli esperimenti, tattici e tecnici, è ormai finito. A dir la verità sarebbe dovuto terminare con l’inizio delle partite ufficiali. Ma non è stato così. Diciamo che c’è stata un’appendice di un mesetto al lavoro estivo. Ora però è tempo di far partire finalmente i titoli di coda sui ‘lavori in corso’. La necessità numero uno adesso è quella di avere un precisa identità, tattica e tecnica.

L’allenatore deve decidere, da subito, quale modulo adottare come schieramento base. Quattro-tre-tre o quattro-due-tre-uno. Ciò naturalmente non toglie che, in base alle esigenze, anche all’interno della stessa partita possa essere cambiato. Ma un punto fermo di partenza ci vuole. E non solo tatticamente.

Fondamentale è avere le idee chiare sull’utilizzo dei calciatori a disposizione. Pastore, ad esempio, è arrivato per giocare da interno di centrocampo nel 4-3-3. Posizione nella quale, escludendo la partita di Torino, poi si visto raramente. Anche qui è scontato che i giocatori devono essere in grado di giocare in più ruoli. Ma è altrettanto scontato che un ruolo ‘primario’ gli deve essere assegnato. Perchè ogni ruolo ha dei movimenti specifici e ci vuole tempo per assimilarli. Se invece gli viene continuamente cambiata la posizione in campo si genera soltanto confusione, e questo poi incide pesantemente sul rendimento dei singoli e quindi della squadra.

Spal, Napoli, Fiorentina e Sampodoria. La prima e l’ultima all’Olimpico, le due centrali in trasferta. Nel mezzo le due decisive gare di Champions contro il Cska. In campionato perdere altro terreno inizierebbe ad essere veramente pericoloso, perché tra l’altro la Roma ad oggi è in classifica fuori dalle prime quattro. In Europa non passare il girone rappresenterebbe già un mezzo fallimento.

Sia chiaro, nulla è perduto. I giallorossi hanno ancora tutte le possibilità per fare una grande stagione. Ma si deve anche essere coscienti che va cambiata marcia. Numeri alla mano, se la Roma continua la stagione come ha fatto fin qui allora c’è da preoccuparsi. E’ giunto il momento di far vedere il vero valore di questa Roma. La ricreazione è finita. Per tutti…                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    Andrea Felici