RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Rugby a 13, Lirfl e la solidarietà

Più informazioni su

Rugby a 13 – La Lega Italiana Rugby Football League (Lirfl) e la solidarietà, un binomio praticamente indissolubile sin dagli albori del movimento. Basti ricordare i progetti in favore degli orfanotrofi in Kenya o quello (ancora attuale) del sostegno alla campagna “White Ribbon” in aiuto delle donne vittime di violenza.

Lirfl (rugby a 13), Ligi e Batini vincono in campo con l’Italia e fuori con la raccolta fondi per Cascia e Norcia

Rugby a 13, ligi-a-sx-e-batini-a-dx-con-il-capitano-azzurro-franzoni-al-centro

Rugby a 13, ligi-a-sx-e-batini-a-dx-con-il-capitano-azzurro-franzoni-al-centro

C’è una storia nella storia da raccontare nell’ambito della recente affermazione dell’Italia del rugby a 13 contro BARA, ottenuta domenica 20 novembre in quel di Campi Bisenzio (provincia di Firenze). Due convocati azzurri al loro primo appuntamento con la maglia della Nazionale, Elias Ligi e Alessio Batini, appena terminata la partita sono rientrati velocemente nella loro Umbria per organizzare la consegna di alcuni beni di prima necessità alle popolazioni di Cascia, Norcia e dintorni, colpite duramente dal recente terremoto.

Rugby a 13 progetto di solidarietà

Un progetto di solidarietà ideato soprattutto grazie all’impegno di Ligi che tra l’altro ha visto distrutta la casa dei nonni durante il sisma: assieme ad alcuni suoi colleghi di lavoro e ai ragazzi degli Hammers e del Guardia XV (squadra di rugby union dove gioca assieme a Batini), Ligi ha organizzato la raccolta e poi in prima persona e col suo compagno di squadra Batini ha partecipato alla consegna del materiale.

«Abbiamo chiamato questa iniziativa “We love Valnerina” – racconta Ligi – Al di là del materiale consegnato, abbiamo voluto portare qualche momento di svago e conforto alle persone di alcune frazioni sperdute del nostro territorio, in posti dove non era arrivata nemmeno la Protezione civile. Prima di Natale vorremmo ripetere l’esperimento raccogliendo beni per le scuole presso la mia azienda che è il punto Decathlon di Foligno».

«Ho saputo dell’iniziativa messa in piedi da Elias e ho immediatamente chiesto di poter partecipare – racconta Batini – Ci conosciamo da diverso tempo e mi è sembrato doveroso mettermi a disposizione, per noi è stato come ottenere un’altra vittoria».

Quella sportiva ha lasciato grandi emozioni nel cuore di entrambi i due esordienti assoluti di casa Hammers (squadra detentrice della Coppa Italia 2016).

«Un momento indimenticabile – sottolinea Batini, seconda linea classe 1991 – Indossare la maglia della Nazionale è una grande responsabilità e all’inizio c’era un po’ di timore, ma poi ci siamo sciolti». «La convocazione è stata davvero speciale – aggiunge Ligi – Solo quando ho indossato la maglia azzurra ho capito che non si trattava di un sogno, ma della realtà. Il rugby a 13 è uno sport molto divertente e decisamente più fisico rispetto agli altri codici».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.