RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Serpentara calcio (Ecc.), Baiocco: «Orgoglioso di questi ragazzi»

Più informazioni su

Bellegra e Olevano (Rm) – I calci di rigore hanno condannato il Serpentara. Nella semifinale di ritorno giocata a Itri, la squadra di mister Enrico Baiocco ha perso 1-0 nei tempi regolamentari (stesso punteggio, al contrario, della sfida d’andata) e ha poi ceduto nella “lotteria” dagli undici metri.

Serpentara calcio (Ecc.), impresa sfiorata: niente finale. Baiocco: «Orgoglioso di questi ragazzi»

«Non ho nulla da rimproverare ai ragazzi, sono orgoglioso di loro – dice l’allenatore, che ha sfiorato la sua quarta finale di Coppa dopo le due vinte col Colleferro tra Promozione ed Eccellenza e quella persa sulla panchina della Cynthia contro il Cecchina sempre in Eccellenza – Abbiamo costruito e sciupato delle opportunità sia per andare in vantaggio sia per pareggiare i conti dopo l’1-0 dell’Itri, prendendo gol su una delle poche azioni d’attacco della squadra di casa e pure nel momento dei rigori ero fiducioso sul nostro approdo alla finale, ma è andata così e quindi faccio i complimenti agli avversari anche pubblicamente dopo averli fatti a loro direttamente nel dopo gara».

Per Baiocco «non c’è tempo per la delusione anche se ovviamente è inutile negare che questa ci sia per quanto riguarda me, la società e la squadra. Già da domani, però, dovremo mettere alle spalle questa avventura di Coppa e pensare al Colleferro dove andremo per fare la partita. Ora l’obbligo che ha la squadra è quello di far parlare di sé da qui alla fine della stagione, non vogliamo fare certo una seconda parte di stagione anonima».

baiocco

baiocco

La situazione di classifica del Serpentara non è del tutto tranquilla e mister Baiocco non fa nulla per nasconderlo. «Il primo pensiero è quello di guardarsi le spalle perché sotto la lotta è serrata, ma come detto dobbiamo cercare di fare più punti possibili per concludere al meglio questa annata. La Coppa ci ha indubbiamente tolto tanti punti, è una competizione che ti “assorbe” parecchio soprattutto se hai un organico un po’ ridotto come il nostro. Ma ora avremo la possibilità di lavorare su un unico impegno a settimana e di preparare al meglio tutte le partite che ci rimangono da giocare».

Più informazioni su