RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Ssd Roma VIII (calcio, I cat.), il ds Fagotti: «Bella vittoria sul Casilina. Sui fatti di San Basilio…»

Più informazioni su

Roma – La Roma VIII rompe un incantesimo che durava da quattro partite (due sconfitte e due pareggi molto sfortunati) e torna alla vittoria. I ragazzi di mister Fabrizio Fiaschetti hanno sbancato il vicino campo del Casilina per 2-0 grazie alle reti di Ciferri e De Palma su rigore.

«Abbiamo giocato un ottimo primo tempo – dice il direttore sportivo Roberto Fagotti – Oltre a segnare con Ciferri, che finalmente si è sbloccato, abbiamo creato alcune ghiotte opportunità per raddoppiare i conti senza riuscirci. Questo di non chiudere le partite è sicuramente uno dei difetti emersi in questa prima parte di stagione. L’altro è quello di andare in difficoltà quando gli avversari sono ridotti in inferiorità numerica, cosa accaduta anche col Casilina che comunque ha dimostrato di non meritare l’attuale ultimo posto. Non aveva il centravanti titolare Iacobelli per squalifica e ha messo in mostra un Taglienti che realmente è l’ottimo giocatore che ci aspettavamo, per questo la nostra è una vittoria pesante e tra l’altro l’abbiamo ottenuta senza subire reti per la prima volta in stagione».

La Roma VIII si è rialzata in classifica. «Ora siamo a cinque punti dalla coppia di testa composta da Valle Martella e Semprevisa» rimarca il ds. Proprio il club di Carpineto doveva essere l’avversario di domenica prossima prima del match cancellato dalla dura presa di posizione dell’Aia che ha indetto uno “sciopero” per le gare di questa settimana in seguito ai “fatti di San Basilio”, vale a dire l’aggressione ad un arbitro del campionato di Promozione alla fine della partita tra Virtus Olympia e Atletico Torrenova. L’ennesimo episodio nei confronti di un arbitro al quale la Ssd Roma VIII esprime grande solidarietà e ferma condanna per quello che è successo, augurando al direttore di gara una pronta guarigione.

«Un fatto che, inevitabilmente, ci ha riportato con la memoria a quanto accadutoci nel corso della passata stagione – riflette Fagotti – La dinamica è stata molto simile, anzi in questo caso le conseguenze subite dal direttore di gara sembrerebbero addirittura peggiori. Noi abbiamo pagato in maniera pesante con 6 punti di penalizzazione che hanno portato il Giardinetti alla vittoria del girone di Prima categoria dell’anno scorso, il mancato ripescaggio dovuto al punteggio della Coppa disciplina, cinque gare a porte chiuse e 1500 euro di multa. Ma il concetto che abbiamo sempre espresso e che ribadiamo in questa circostanza è che le società dilettantistiche non hanno la possibilità e la forza economica ed organizzativa di adempiere al servizio dell’ordine pubblico e che rischiano di essere sempre ostaggio e vittima di certi balordi» conclude Fagotti.

Più informazioni su