RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Stadio della Roma: caos Politecnico

Come nei migliori film iniziamo con un flashback. O se preferite, rispolverando una terminologia ante digitalizzazione, riavvolgiamo il nastro. Il comune di Roma incarica il Politecnico di Torino di effettuare una relazione circa lo studio dei flussi di traffico inseriti nel progetto dello Stadio della Roma.

Nell’accordo è prevista una relazione preliminare e poi, successivamente, quella definitiva. Va però sottolineato, e non è cosa di poco conto, che questo parere non è in alcun modo vincolante nell’iter burocratico per lo Stadio. Il Governo Capitolino ha voluto questa ulteriore documentazione per un motivo politico. L’eventuale ok di una terza, e attendibile, parte avrebbe dato a tutta l’operazione un ‘bollino’ di trasparenza.

A dicembre scorso escono indiscrezioni giornalistiche circa il contenuto della relazione preliminare nel frattempo arrivata in Campidoglio. E non si tratta di buone notizie per chi ha a cuore la nuova ‘casa’ della Roma. Infatti, secondo queste anticipazioni giornalistiche, non solo il parere sarebbe stato negativo ma addirittura avrebbe definito ‘catastrofico’ il piano traffico dello Stadio.

Ad oltre un mese di distanza arriva la ‘bomba’. Bruno Dalla Chiara del Politecnico di Torino a Centro Suono Sport, all’interno della trasmissione ‘Te la do io Tokyo, fa affermazioni davvero pesanti. Premette immediatamente che nel contratto con il Comune di Roma c’è l’obbligo di riservatezza su tutto quello che riguarda il progetto. Circa le indiscrezioni giornalistiche relative alla relazione preliminare, afferma: “E’ stata sottratta al Comune di Roma, è stata anche contraffatta”. E poi ancora: ” La prima pagina per come l’ho vista io è stata modificata”.

Quindi quello che si è letto sulla relazione preliminare non rispecchia la verità? “Qua mi fermo” la sua risposta.

Insomma, si afferma che la relazione preliminare è stata sottratta e contraffatta. Ma, probabilmente per l’obbligo di riservatezza, non viene specificato se ciò che è stato letto circa un mese fa su quell’ormai famoso documento è vero oppure no.

Utilizzando una frase particolarmente famosa qualche anno fa, la domanda nasce spontanea: perchè quando è uscita l’indiscrezione giornalistica secondo cui la relazione preliminare del Politecnico di Torino aveva definito il piano viabilità del Progetto Stadio “catastrofico” nessuno ha smentito?