RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Tempo di bilanci per l’AS Roma femminile: termina con una sconfitta la prima esperienza giallorossa

Roma – Si è chiuso senza sussulti finali il 1° campionato dell’AS Roma femminile. La squadra allenata da Elisabetta Bavagnoli viene beffata nei minuti di recupero dalla Fiorentina e chiude il proprio torneo con una sconfitta, l’ottava complessiva in 22 giornata disputate. Al Bozzi di Firenze, 3 giorni dopo il 2-0 che ha estromesso le giallorosse dalla possibilità di approdare in finale di coppa Italia, è dunque ancora la Viola ad avere la meglio e a portare a casa il risultato. La squadra di Cincotta chiude invece la manifestazione al 2° posto dietro la Juventus, centrando la qualificazione alla prossima Champions da vice-campione d’Italia.

Ad aprire le ostilità è un gol alla mezz’ora del primo tempo di Mauro. Azione che si sviluppa sulla destra, grazie ad un perfetto filtrante di Parisi che imbecca in profondità Guagni. Il capitano gigliato è altruista e serve in mezzo la sua compagna di squadra, brava a tenere botta su Soffia e a depositare agilmente alle spalle di un’incolpevole Pipitone.
Risponde però un  quarto d’ora più tardi Luisa Pugnali, al termine di un’azione corale ben orchestrata dalle ragazze romaniste: il cross di Ciccotti trova appostata sul secondo palo Annamaria Serturini, generosa a rimettere in mezzo un pallone solo da spingere di testa in fondo al sacco. Per Pugnali 3° centro di stagione, il 43° ed ultimo messo a referto dalla squadra di Trigoria.

Nella ripresa tutto sommato una buona Roma viene punita per un contrasto in area di rigore tra Mauro e Swaby. Spalla a spalla apparentemente regolare ravvisato come scorretto da parte del direttore di gara, che manda a tempo scaduto Vigilucci a battere il penalty: il destro non è irresistibile, Pipitone tocca ma il pallone le sfila sotto ai guantoni e riporta definitivamente le padrone di casa in vantaggio.

Tempo di bilanci

Termina il campionato e con esso sono arrivati tutti i verdetti definitivi. La Juventus si laurea campione d’Italia per la seconda volta nella storia. Le bianconere di Rita Guarino hanno preceduto di un punto la Fiorentina e di 5 il Milan. Le rossonere, infatti, cadono a sorpresa tra le mura amiche contro il Chievo Valpo e si staccano dal duo di testa. Dietro al trio succitato si attesta la Roma: un avvio difficoltoso, una parte centrale ampiamente accettabile e un finale di stagione non troppo felice per capitan Bartoli e co. Le giallorosse ottengono al loro primo anno di vita la quarta piazza in serie A, figlia di 11 vittorie, 3 pareggi e 8 sconfitte.
Annamaria Serturini si aggiudica la classifica capocannonieri interna con 11 realizzazioni personali, ben 6 in più rispetto alla seconda giocatrice più prolifica giallorossa: Flaminia Simonetti a quota 5. A vincere la graduatoria complessiva è invece Valentina Giacinti del Milan con 21 realizzazioni, davanti alla compagna di squadra Sabatino (17) e alla juventina Eniola (14).

Le ragazze di Bavagnoli non hanno nulla da rimproverarsi, se non forse quello di aver potuto gestire meglio almeno un paio di partite contro Atalanta Mozzanica e Pink Bari. Proprio la Pink è una delle due retrocesse in serie B: Le pugliesi cedono il passo alla Mozzanica nella partita più importante della stagione, raggiungendo così l’Orobica nella serie cadetta. Si salva invece il Chievo, bravo a scavalcare il Milan a Milano e contestualmente respingere gli assalti proprio del Bari.

L’ultimo appuntamento per club sarà la finale di coppa Italia tra Juventus e Fiorentina: Prima contro seconda, brave ad eliminare Milan e Roma, terza e quarta forza del campionato. Il trofeo, che vede le toscane detentrici della coppa, verrà assegnata a Parma in gara unica il 28 di aprile. Dopodiché inizierà ufficialmente la preparazione ai Mondiali di Francia 2019, in programma dal 7 giugno al 7 luglio e che rivede l’Italia partecipare ad un finale della rassegna iridata a distanza di 20 anni dall’ultima partecipazione.

Massimiliano Sciarra