RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

VOCE – Digital release per l’ep d’esordio della giovane band romana

E’ disponibile in tutti gli store digitali “VOCE”, l’Ep d’esordio della giovane brand romana Voce. Pop d’autore in 4 tracce, per un’intensa base cantautoriale che si declina in un sound sorprendente e trascinante (l’intero ep si può ascoltare qui).

Storie di quartiere, mare e libertà. Il progetto musicale VOCE nasce dal giovane cantautore Giulio Voce, che dopo il fortunato esordio da solista decide di intrecciare la sua penna con il groove di Luca Branella (basso) e le pennate di Francesco Amici (chitarra). L’incontro è un mix di suggestioni che acquista ben presto una sua precisa identità artistica e musicale.

Nasce così “Voce”, l’omonimo ep di esordio che segna non solo il debutto discografico della band, ma che rappresenta soprattutto un nuovo capitolo creativo e artistico dei tre musicisti. Una evoluzione più consapevole e matura che trasforma tre anime così diverse in un’armonia di suoni, atmosfere e sensazioni. Una sola, unica, grande Voce.

VOCE – Il gruppo e l’ep d’espordio

I Voce sono Giulio Voce (Chitarra & Voce principale), Francesco Amici (Chitarra solista & Voce) e Luca Branella (Basso & Voce).  L’ep “VOCE”, omonimo, è uscito a Ottobre 2018 ed è disponibile in tutti gli store digitali. In attesa della pubblicazione “fisica” dell’Ep, i Voce hanno infatti voluto anticipare l’uscita del più classico dei supporti discografici con una speciale digital release, dedicata a un pubblico più attento non solo alle nuove tecnologie e ai nuovi modi di ascoltare e fruire musica, ma anche più sensibile e curioso a un certo tipo di proposta alternativa e controcorrente.

L’Ep “Voce” è stato registrato e mixato presso “Il piano B, progetti sonori” e masterizzato presso il Reference Mastering di Roma. Una produzione Franky Rolla Production.

3 Anime in una unica grande VOCE

Il progetto VOCE nasce dalla penna & dalla chitarra del giovane cantautore romano GIULIO VOCE. Profondamente legato alla sua città, è proprio dalle vibrazioni dei quartieri in continuo mutamento che si ispira per raccontare in musica le sue storie fatte di intrecci e quotidianità, dalle radici calabresi alle influenze del territorio Pontino e del Monte Circeo.

A segnare fortemente il percorso musicale di Giulio Voce sono i grandi cantautori della tradizione italiana (Rino GaetanoFabrizio De AndrèFrancesco GucciniEdoardo Bennato) e i miti del rock (Elvis PresleyThe DoorsCreedence Clearwater Revival). Country, musica antica e folk hanno ugualmente una forte influenza, che si riflette nelle contaminazioni: il risultato è un pop d’autore dall’impronta originale e sofisticata.

Dopo aver suonato con alcune band, nel 2012 GIULIO VOCE decide d’intraprendere la carriera solista: si guadagna i palchi più importanti della capitale (Casa del Jazz, Jailbreak, Teatro Arciliuto, Gilda, Contestaccio), ma resta affezionato anche ai “suoi” locali di quartiere nei quali il pubblico lo accoglie con lo stesso affetto.

Tra gli oltre 100 concerti realizzati negli ultimi anni, ha avuto occasione di esibirsi nelle piazze italiane durante i tour estivi e nell’ambito di numerosi eventi di spicco come Sanremo Giovani, Musicultura, Musiche Festival, La Notte Bianca del X Municipio di Roma, Assisi OveRock, Cave in Rock e MarteLive. I suoi brani vengono trasmessi dalle principali emittenti radiofoniche romane e su Rai Radio Uno.

Nel 2014 pubblica il suo album d’esordio autoprodotto, “Lithos“. Al brano estratto “Il volto della maga” segue un suggestivo videoclip che suscita l’interesse della Sony, etichetta con la quale l’artista stipula un accordo per la distribuzione del video attraverso il canale ufficiale VEVO.

Il 2015 è l’anno delle sperimentazioni: inizia la collaborazione con il produttore artistico Vittorio Giannelli (Il Volo, Nek) per la registrazione di nuovi brani con la partecipazione del bassista Matteo Pezzolet (Niccolo Fabi, Alex Britti) e del batterista Paolo Fabbrocino (Simone Cristicchi) più lo stesso Vittorio Giannelli alle chitarre soliste e alle programmazioni.

Vengono così messe a punto le fondamenta per il nuovo lavoro: “Terra Bruciata“, un EP di 5 brani che viene presentato in anteprima durante un intenso tour estivo. La pubblicazione del nuovo album viene preceduta da due stagioni cariche di eventi: la conquista della finale del festival Il Cantagiro presso il teatro Imperiale di Guidonia (la canzone Terra Bruciata verrà inserita anche nella compilation ufficiale del festival), le finali regionali dei Sanremo Music Awards, il documentario Terra Bruciata al Circeo
(disponibile sul canale YouTube), l’apertura del concerto di Walter Savelli (pianista di Claudio Baglioni) alla Stazione Birra di Roma.

Inizia poi la collaborazione con il dipartimento Sound Design dello IED – Istituto Europeo di Design: due brani di Giulio Voce vengono selezionati come oggetto di studio per i corsi di Sound Design e Arrangiamento.

Dal 2018 l’estro creativo e musicale di Giulio incontra quello del chitarrista Francesco Amici e del bassista Luca Branella: il progetto VOCE diventa così una band a 3 elementi in cui ritmo & suggestioni confluiscono, appunto, in una unica voce che nel mese di ottobre vede nascere l’omonimo EP, primo lavoro della band in questa formazione e una produzione Franky Rolla Production.