Quantcast

Studenti Sapienza in protesta: ignorati dal Governo foto

Roma – Questa mattina un gruppo di studenti dell’universita’ ‘Sapienza’ di Roma ha simbolicamente riaperto uno spazio abbandonato e ha poi svolto un’assemblea studentesca negli spazi esterni dell’ateneo. L’azione e’ stata promossa dai collettivi universitari, dall’aula studio fuori luogo e dal Fronte della Gioventu’ Comunista (FGC).

“Abbiamo voluto fare questa azione simbolica per denunciare lo stato di abbandono nel quale versa l’universita’ e piu’ in generale il sistema d’istruzione- affermano le organizzazioni in una nota- abbiamo scelto di farlo nella settimana contro la violenza sulle donne per ribadire l’importanza di una battaglia per noi fondamentale e per chiedere che il lucernario sia restituito agli studenti e diventi un consultorio per le studentesse.”

“Tornare dentro l’universita’, poter fare tutti insieme in sicurezza un’assemblea nel nostro luogo di studio per noi e’ fondamentale e lancia il messaggio che gli studenti e le studentesse non restano a guardare mentre vengono privati del proprio diritto allo studio”.

“Sono anni che governi di ogni colore smantellano l’istruzione e la sanita’ pubblica e che cancellano i nostri diritti nei luoghi di studio e di lavoro. Con la pandemia questo processo non ha fatto altro che accelerare”, aggiungono i manifestanti.

“Ci hanno lasciato senza luoghi di studio obbligandoci a una dad classista che poteva essere evitata con una gestione diversa della crisi. Serviva investire nei trasporti, nella sanita’, nella messa in sicurezza dei luoghi di studio e di lavoro e invece gli unici interessi tutelati sono stati quelli delle imprese”.

“Oggi e’ importante lottare affinche’ la didattica a distanza sia una misura temporanea, perche’ si possa tornare a vivere le scuole e le universita’ e ci sia un’altra gestione della crisi finalizzata alla tutela degli interessi degli studenti e dei lavoratori- concludono- Oggi riprendendoci l’universita’ abbiamo fatto un primo passo in questa lotta, ma non ci fermeremo qui”.