RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Al Teatro Tor Bella Monaca è di scena “Pinocchio” di Joël Pommerat foto

Più informazioni su

Venerdì 23 (ore 10.30), sabato 24 e domenica 25 marzo (ore 17.00)

al Teatro Tor Bella Monaca è di scena “Pinocchio”

di Joël Pommerat per la regia di Fabrizio Pallara.

Un uomo appare sulla scena pronto a raccontare la sua storia, per ricordare e condividere un’avventura. Un alternarsi costante di narrazione e azione trascina gli spettatori nel mondo fantastico del protagonista, un mondo che pare trovarsi su un sottile confine tra realtà e sogno, laddove paure e aspirazioni, speranze e delusioni si mescolano in un insieme di sensazioni indecifrabili. Ogni volta la ricerca di un interlocutore, del pubblico con cui confrontarsi, a cui porre delle domande diventa un respiro, una pausa per riflettere. È un teatro nel teatro lo spazio in cui viene raccontata questa storia: un burattino, la sua vita, la sua crescita, una trasformazione continua che appartiene al cammino di ogni bambino per diventare grande. Qui Pinocchio nella memoria del narratore è già adolescente e alle prese con questa faticosa lotta. Eroe senza tempo si muove e viene mosso dai personaggi che lo accompagnano e lo ostacolano nella sua straordinaria avventura tra lo stupore delle scoperte, la seduzione e il fascino delle cose proibite, la necessità di imparare ciò che è giusto e ciò che è sbagliato e il costante conflitto tra l’obbligo dei suoi doveri e la possibilità di scegliere. Intorno a lui tutto continuamente muta, fili quasi invisibili muovono la scena essenziale e neutra che diventa luogo di apparizioni e i protagonisti attraversano la storia quasi nascosti dietro le loro maschere, complemento e rifugio allo stesso tempo. Una rivisitazione, quella di Joël Pommerat, in cui il linguaggio e i temi diventano contemporanei e la realtà si fonde con la fantasmagoria della celebre fiaba che racconta che per raggiungere il cielo si deve nascere due volte, come fanno gli uccelli o come fanno i burattini per diventare esseri umani.

«È stato interessante confrontarsi con questa riscrittura di Pinocchio – commenta Fabrizio Pallara  un burattino più grande di come abbiamo imparato a conoscerlo; non più bambino e non ancora adulto. La scelta di utilizzare le maschere quasi per tutti i personaggi di questo spettacolo mi è stata suggerita proprio dalla necessità di comunicare la condizione di passaggio, quel momento della vita in cui si deve prima di tutto imparare a conoscere se stessi e poi comprendere il mondo circostante. Le maschere nascondono, camuffano, talvolta invece svelano, sono ciò che vorremmo essere, ciò che avremmo potuto essere, sono un modo di guardare il mondo, sono le possibilità. Questa storia è il viaggio obbligato di ognuno di noi, per crescere, per emanciparsi, per capire, per nascere davvero».

Lo spettacolo replica dal 27 al 29 marzo al Teatro Biblioteca Quarticciolo.

 

ORARI SPETTACOLI

 

TEATRO TOR BELLA MONACA

venerdì 23 ore 10.30 – sabato 24 e domenica 25 ore 17.00

 

TEATRO BIBLIOTECA QUARTICCIOLO

martedì 27, mercoledì 28, giovedì 29 ore 10.30 spettacolo per le scuole

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.