Municipio IV. I piccoli furti al nido di via Millosevich

Municipio IV. I piccoli furti al nido di via Millosevich –

La capogruppo del Movimento 5 Stelle del IV Municipio di Roma, Germana di Pietro, interviene con questo comunicato sulla vicenda dei piccoli furti avvenuti nell’asilo nido di Via Millosevich.

“Purtroppo succede che le scuole subiscano piccoli furti e questa volta sembrerebbe un vero accanimento sul nido di Via Millosevich con 8 infrazioni in poche settimane… il bottino solo qualche pannolino.
Siamo indignati di ciò che sta accadendo, come portavoce e come cittadini,  perché violare una scuola significa violare il diritto dei bambini alla loro crescita, in un luogo a loro e solo a loro dedicato.

Condanniamo quindi con fermezza questi atti ignobili. Il Municipio si è attivato sin dalle prime segnalazioni; abbiamo ricevuto le famiglie, disposto le dovute pulizie degli ambienti e fatto revisionare l’impianto di allarme. In più abbiamo attivato la Polizia Locale e allertato la Polizia di Stato per effettuare passaggi notturni nella zona. Stiamo inoltre provvedendo ad innalzare la recinzione esterne per ostacolare l’ingresso dei ladruncoli.

“Detto ciò, prendiamo le distanze da quei partiti politici e sedicenti comitati o associazioni che somigliano più ad estensioni  di  partiti politici e che puntualmente strumentalizzano i fatti per mettersi in mostra e fare una becera campagna elettorale sulle spalle, questa volta, dei bambini.

“Le soluzioni ai problemi non sono i proclami televisivi o i comunicati stampa, ci vogliono i fatti, quelli che noi senza pubblicità stiamo portando avanti!

“Il M5S non si sostituisce alle forze dell’ordine ma collabora con esse alla lotta alla criminalità, quella stessa criminalità che qualcuno dice di voler  combattere ma poi nei fatti l’asseconda infrangendo la legge.
Non siamo nemmeno quelli che di fronte ad una rapina chiedono le dimissioni di una Giunta dimenticando che i reati li condannano i giudici non la politica. Basta strumentalizzare i nostri figli. Germana Di Pietro”