Quantcast

Gravina: razzismo e discriminazione rappresentano opposto del valore del calcio

Firenze – La battaglia al razzismo “e’ un tema che sta a cuore a tutti. Non solo al razzismo, ma a qualsiasi forma di discriminazione. Siamo convinti che sia una lotta da vincere a tutti i costi”, perche’ razzismo e discriminazione rappresentano “l’esatto opposto del valore del calcio”.

Lo spiega il presidente della Figc Gabriele Gravina, a margine della presentazione dei progetti formativi lanciati dalla Figc nel centro tecnico di Coverciano, a Firenze.

“Il calcio e’ inclusione, partecipazione, coinvolgimento e non possiamo tollerare che la sua dignita’” e quella “dello sport italiano, possa essere infangata o contaminata da questi quattro beceri che la domenica offendono”.

In questo, prosegue, “devo ringraziare il ministro Spadafora, che e’ davvero sempre molto attento, ci fa alzare il livello di guardia” e “ci coinvolge costantemente su una esigenza costante: quella di combattere qualunque forma di esclusione dal mondo del calcio, ma soprattutto qualunque forma di razzismo”.