RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

SS LAZIO | Lazio-Genoa 0-2, il Genoa si conferma “bestia nera” della Lazio

Più informazioni su

ss lazio

ss lazio

Lazio (4-3-3): Marchetti 5.5, Cavanda 5.5, Ciani 4, Radu 5.5, Pereirinha 6, A. Gonzalez 5 (16′ st Perea sv), Ledesma 5 (28′ st Keita sv), Onazi 5, Candreva 6, Klose 5, Anderson 5 (16′ st Ederson sv). (95 Strakosha, 1 Berisha, 16 Elez, 28 Vinicius, 99 Floccari). All.: Petkovic 5.

Genoa (3-5-2): Perin 7.5, Antonini 6, Portanova 6.5, Manfredini 6.5, Biondini 6, Cofie 6, Matuzalem 6.5, Kucka 6.5 (24′ st De Maio sv), Marchese 6 (1′ st Fetfatzidis 7), Antonelli 6.5, Gilardino 6.5 (Konate’ sv). (53 Bizzarri, 32 Donnarumma, 2 Sampirisi, Sturaro, 91 Bertolacci, 26 Centurion, 9 Stoian, 78 Tozser). All.: Gasperini 7. Arbitro: Tommasi di Bassano del Grappa (Vicenza) 6. Reti: nel st 15′ Kucka, 27′ Gilardino (rigore). Angoli: 5-4 per il Genoa. Recupero: 1′ e 3′. Ammoniti: Matuzalem per gioco falloso, Ciani per fallo di mani in area, Ledesma per proteste. Spettatori: 27.500

** I GOL ** – 15′ st: passaggio filtrante di Fetfatzidis per Kucka, che resiste al ritorno di Cavanda e fulmina Marchetti da distanza ravvicinata. – 27′ st Gilardino raddoppia su rigore, concesso per fallo di mani in area di Ciani, dopo un’incursione di Antonelli.

Il Genoa si conferma ‘bestia nera’ della Lazio che non batte i rossoblu’ dal 14 maggio 2011. I liguri espugnano ancora una volta l’Olimpico, primi in questa stagione, ma il tecnico biancoceleste, Vladimir Petkovic, difende i suoi giocatori contestati dalla tifoseria. ”Non penso che la squadra non abbia tirato fuori gli attributi – dice il bosniaco -. Abbiamo giocato egregiamente. Se avessimo segnato si sarebbe parlato di una Lazio superlativa. Purtroppo contano i punti e dobbiamo raccoglierli al piu’ presto possibile perche’ dopo ogni partita pesano sempre di piu”’.

Una partita condizionata dal mancato rigore concesso a Candreva. ”Mi hanno detto che c’erano due rigori – rileva Petkovic -. Per noi non ha fischiato. Per loro, in maniera bizzarra, si’. Ci vuole piu’ protezione per vincere e sbloccare la partita. Abbiamo avuto delle occasioni, dovevamo essere piu’ cinici”. L’allenatore di Sarajevo pero’ non crede che la stagione sia compromessa: ”Dobbiamo pensare positivo e tornare a fare punti con cattiveria e un po’ di fortuna in piu”’. ”Stavamo facendo una buona partita creando qualche opportunita’ ma non abbiamo segnato – e’ l’analisi di Pereirinha -. Il rigore che poi ha fischiato a loro e’ stato demotivante. Dobbiamo continuare a lavorare”. Con 10 punti in 5 partite, il Genoa gode invece della cura Gasperini. ”Fare tutti questi punti non era preventivabile – ammette il tecnico ligure -, ma questa vittoria da’ particolare soddisfazione. E’ stata la miglior partita, con una buona prestazione, soprattutto nel secondo tempo, contro una signora squadra. Siamo sulla strada giusta, sono soddisfatto dall’atteggiamento di tutta la rosa larga che, in un primo tempo, poteva essere un problema, ma invece si sta rivelando la nostra forza”.

”Gli episodi possono cambiare il corso della gare e a far scaturire un risultato diverso – prosegue il genoano -, ma le partite vanno analizzate nei novanta minuti e il Genoa non ha demeritato e non ha rubato nulla. Nel finale potevamo segnare anche di piu”’. Ancora in gol Gilardino. ”E’ una vittoria fondamentale, la seconda consecutiva e abbiamo dato continuita’ a quella contro il Parma. Sapevamo che loro in difesa erano rimaneggiati – rileva l’attaccante -, ma la Lazio e’ comunque un’ottima squadra e per noi e’ importante aver vinto qui. Offerte dalla Mls nordamericana? Penso a dare tutto con questa maglia, l’ho gia’ detto”.  (ANSA).

Più informazioni su